Matrimonio Marocchino tradizionale

Matrimonio Marocchino

Quando si tratta di Matrimonio tradizionale Marocchino, i marocchini sanno meglio di chiunque altro come fare le cose in grande! Per i marocchini, il matrimonio deve essere una grande festa per gli sposi, quindi i soldi spesso non sono un problema. Se devo essere sincera, cerco di evitare il più possibile i matrimoni marocchini. Mi sembra sempre che tutto sia uguale. Eppure, ci sono sempre cose diverse. In questo blog parlerò delle tradizioni del matrimonio marocchino.

CHIEDERE LA MANO DI QUALCUNO:

Personalmente, non mi piace ancora, non importa quante volte mi venga chiesto: “Quando ti sposi?”. Ma grazie alle esperienze con i membri della mia famiglia, so quali sono i passi da compiere prima di potersi sposare. Se un giovane marocchino vuole sposarsi, la prima cosa che fa è andare dai genitori della donna in questione, da solo o accompagnato da uno dei suoi parenti. Può anche accadere che una persona chieda la mano della donna a un familiare. Anche questo avviene a casa dei genitori di lei. Ad esempio, il padre dell’uomo parla con il padre della donna.

Dopo aver fatto questo, il ragazzo porta i suoi familiari a incontrare la famiglia della ragazza. Spesso il ragazzo porta con sé i genitori, i fratelli, le sorelle e i nonni. Anche la ragazza invita la sua famiglia e si riuniscono per una festa di fidanzamento.

In questo modo, il padre può conoscere il ragazzo e la sua famiglia a cui sta “regalando” la figlia. La madre della ragazza di solito offre la cena a tutti i parenti.

DOWRY:

Se la donna e la sua famiglia sono d’accordo sul matrimonio, devono trovare un accordo sulla dote. La dote è davvero per la donna. I parenti della donna le donano un regalo. Può trattarsi di un frigorifero, ma nella maggior parte dei casi si tratta di denaro. Con il marito si concorda anche una somma di denaro: se il marito vuole divorziare dalla moglie, deve darle una somma di denaro per non lasciarla a mani vuote.

PREPARAZIONE DEL MATRIMONIO MAROCCHINO:

Come ho già detto, non sono ancora appassionata di matrimoni. Tuttavia, ho avuto modo di assistere insieme ai miei cugini. Un matrimonio marocchino richiede una quantità enorme di tempo. Prima ancora di iniziare a pensare a ciò che gli sposi desiderano, tutti in famiglia hanno un’opinione in merito. I futuri sposi valutano i luoghi, il catering, gli abiti, i vestiti per gli uomini e così via.

Fortunatamente, la maggior parte dei marocchini non è contraria a spendere molto per questo giorno indimenticabile. Poiché la preparazione di un matrimonio marocchino richiede un po’ di tempo, la maggior parte delle coppie marocchine è già sposata in precedenza secondo la legge berbera, ma non vive ancora insieme. Il matrimonio civile viene contratto almeno sei mesi prima del matrimonio marocchino. Il matrimonio marocchino si compone di tre parti: il giorno dell’henné, il giorno delle nozze e la colazione. Di conseguenza, un matrimonio marocchino dura spesso tre giorni, ma anche in questo caso dipende da ogni famiglia.

HENNA GIORNO:

Molte delle tradizioni che i marocchini hanno del loro matrimonio derivano spesso dall’Islam. Ad esempio, l’henné è visto come una fonte di potere in molti Paesi islamici. Si dice che tenga lontani gli spiriti maligni, permettendo alla sposa di partecipare al matrimonio con serenità. In passato, l’henné veniva semplicemente spalmato sui piedi e sulle mani, ma al giorno d’oggi è possibile realizzare diverse belle decorazioni utilizzando una piccola siringa senza ago.

Una serata all’henné è dedicata alla cerchia familiare degli sposi. Pertanto, la serata dell’henné è una serata che si celebra in una cerchia intima. Gli sposi festeggiano questo giorno con i propri familiari e conoscenti. Per l’henné marocchino è previsto anche un abbigliamento speciale. Lo sposo indossa una Djellaba bianca con sotto un “Serham” bianco, una sorta di mantello con scarpe basse a punta. Lo sposo viene accompagnato dagli uomini passo dopo passo. Gli uomini cantano l’Arazik.

Me lo ricordo ancora. Da bambina lo vedevo spesso in Marocco. Mio zio veniva portato nella tenda da due fratelli e da altri membri della famiglia e poi cantava l’Arazik in cerchio. Ho sempre pensato che fosse la parte migliore del matrimonio. Da bambina, vedevo mio zio in un modo molto diverso da come lo vedevo normalmente. Poi lo sposo si fa fare l’henné sul palmo della mano o sul mignolo.

Per la donna è sempre un po’ meno emozionante. Viene portata nella tenda dalle cognate e la sposa indossa un abito bianco con sotto delle pantofole bianche. I capelli sono spesso separati da due trecce (se la sposa indossa un foulard, spesso ne mette uno corto sopra). Tradizionalmente, la sposa non si trucca durante la notte dell’henné.

IL GIORNO DEL MATRIMONIO MAROCCHINO:

Il secondo giorno del matrimonio marocchino è il giorno del matrimonio ufficiale. In questo giorno, la sposa indossa un abito da sposa “normale”. Si siede a casa e viene poi prelevata dalla famiglia dello sposo. Con un corteo nuziale, lei e il futuro marito vengono portati in un bel posto per fare delle foto insieme; spesso si cerca l’auto più bella della famiglia, ma al giorno d’oggi capita anche che venga noleggiata un’auto. La madre della sposa viene lasciata a casa e viene portata sul luogo della festa dal figlio, spesso in anticipo, per dare il benvenuto agli ospiti.

Quando gli sposi hanno terminato le foto, vengono accompagnati al luogo della festa con canti e musiche tradizionali. A questo scopo, gli sposi si siedono su speciali sedie “king”. Poi la sposa si cambierà d’abito e l’intero rituale verrà ripetuto. Questo può variare a seconda della sposa, può essere ripetuto tre, quattro, cinque volte. Ogni volta la sposa indossa un abito diverso e spesso si tratta di abiti dritti, riccamente decorati, che vengono confezionati con una cintura. Il matrimonio marocchino è una festa separata per uomini e donne. Durante la serata vengono scattate foto alla sposa, perché questo dovrebbe essere il suo giorno. Durante la giornata vengono serviti tè e biscotti per gli ospiti.

Alla fine della giornata, la sposa indossa di nuovo lo stesso vestito. A quel punto si procede allo scambio degli anelli. Nel frattempo, vengono scattate foto della coppia. Poi gli sposi tagliano la torta nuziale. Durante il processo vengono dati latte e datteri: il latte rappresenta la purezza, la verginità e i datteri la fertilità. Dopo il matrimonio deve essere presente il padre della sposa. Senza il permesso del padre, il matrimonio non può avere luogo. Il resto della serata ruota attorno ai festeggiamenti con musica tradizionale, spuntini e bevande.

IL MATRIMONIO BERBERO MAROCCHINO:

Dall’interno, un matrimonio berbero/euro con un’attenzione particolare al berbero. È stato un onore essere invitati al matrimonio del fratello maggiore di Yahya. Non è solo un parente, ma lui e sua moglie sono stati colleghi per molto tempo. Anche il nipote di Yahya e la sua nuova sposa si sono sposati contemporaneamente, rendendo il matrimonio una doppia festa.

Naturalmente, Yahya ha avuto un ruolo importante da svolgere per più giorni: la portata della logistica necessaria per accogliere centinaia di amici/familiari dal villaggio nel “giorno più importante” è impossibile da esprimere dalla periferia. Quando non ci siamo goduti la musica e l’atmosfera del festival nella strada sottostante, i vicini e gli altri membri della famiglia hanno aperto le loro porte e gli uomini/donne/visitatori stranieri sono stati sistemati tra le diverse abitazioni. Poi, naturalmente, qualcuno ha dovuto dirigere le operazioni di pulizia!

In poche parole, il matrimonio è stato un grande successo; tutti in famiglia hanno lavorato instancabilmente per offrire agli sposi la celebrazione tanto attesa… Lo sposo è anche responsabile di una parte sostanziale dell’organizzazione tradizionale del matrimonio. Una delle spose ha avuto molto da fare: garantire l’arrivo puntuale di oltre 20 parenti e amici dal Belgio non è un compito facile! E nemmeno l’adozione di diversi giorni di rituali berberi, che lei prende con filosofia.

Un matrimonio tradizionale berbero marocchino è diverso da qualsiasi altro a cui abbiate mai assistito. E a detta di tutti, questo era una versione “ridotta”!

Il simbolismo è fondamentale: il tipo di abito (donne e uomini), i tatuaggi all’henné e allo zafferano (donne) e i bagni all’henné (uomini), i gioielli, gli ornamenti per la testa e per gli abiti, i colori, le canzoni – per non parlare del forte senso di comunità e dell’importanza della famiglia… Ciò che non si può prevedere in anticipo è lo stato d’animo e lo spirito collettivo dei tre giorni. È stato molto emozionante, soprattutto il primo giorno.

Il primo giorno intero è quello in cui gli sposi si incontrano per la prima volta… Di conseguenza, questo giorno simboleggia la loro unione.

La mattina la nuova sposa viene avvolta e vestita con un copricapo (immagine a destra). Da almeno due giorni ha tatuato all’henné le mani e i piedi. È seduta con i membri più importanti della famiglia, la madre dietro di lei e le signore anziane del luogo. Mentre il copricapo della sposa viene adornato e annodato, le donne cantano. La cerimonia si svolge tradizionalmente nella casa della famiglia della sposa, che sposerà un uomo della stessa comunità. Dopo che la sposa ha finito di vestirsi, c’è tempo per le foto e per socializzare con i parenti. Non possiamo pubblicare molte fotografie per motivi di privacy.

Poi viene fatta salire su un cammello che la trasporterà a casa del marito. Durante il viaggio verso la sua nuova casa, c’è una “guerra di volontà” (tutta tradizione, ovviamente). Le donne della famiglia di lei cercano di bloccare il suo sviluppo (non c’è fretta di iniziare una nuova vita matrimoniale!), mentre i maschi della famiglia di lui la sostengono. Questa “lotta” prolunga la processione verso la nuova residenza, e per tutto il tempo canti e tamburi accompagnano il cammino senza fretta. Le donne del villaggio si muovono all’unisono, cantando e ululando. Quando la sposa arriva alla sua nuova casa, viene posta su un piccolo piedistallo in una tenda caudale, circondata da parenti di sesso femminile. Il resto delle donne che hanno partecipato alla procedura. Le altre donne che hanno partecipato alla sfilata per il villaggio siedono in piccoli gruppi all’interno della tenda.

Nel frattempo, lo sposo viene separato e non gli è permesso di uscire di casa per tutto il giorno: nonostante la tentazione di vedere tutto il trambusto che si sente fuori, non può osservare il corteo nuziale. I parenti e gli amici sono invitati a fargli visita, ma lui è confinato nella sua stanza. Si beve molto tè! Anche lo sposo si veste in abiti tradizionali e si trucca.
Spesso i matrimoni tradizionali si svolgono nell’arco di due giorni. In questa occasione, gli sposi si sono riuniti in privato alla fine del primo giorno.

Mentre aspettiamo che gli sposi tornino alla festa del villaggio, si canta e si suona il tamburo, un tipo di musica nota come “Ahidous”. Uomini e donne cantano e suonano in file separate, uno di fronte all’altro. Le file si muovono a tempo, avanti e indietro, da un lato all’altro, e poi ruotano. Le canzoni sono melodie tradizionali berbere sul matrimonio e sull’amore.

In seguito, gli sposi vengono riaccompagnati alla festa nuziale in un corteo di automobili che attraversa lentamente il villaggio, addobbato con bandiere e clacson a tutto volume. Gli sposi si separano ancora una volta finché lo sposo non può rivelare la sposa. Lo sposo si unisce alla sua famiglia per cantare e suonare il tamburo. Nella tenda Caidal, la sposa.

Ci congratuliamo con i novelli sposi e ci sistemiamo con abbondanti piatti di couscous di manzo dopo che la sposa è stata “svelata” alla famiglia e agli amici (questo avviene tradizionalmente alla fine del secondo giorno).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>