Cose da fare a Meknes e attrazioni

Cose da fare e attrazioni a Meknes

Le migliori cose da fare a Meknes e Volubilis, La maggior parte dei viaggiatori si ferma a Meknes solo per visitare Volubilis, il sito di epoca romana più famoso del Marocco e una delle principali attrazioni turistiche storiche del Paese.

Chi si ferma in città dopo aver visto le rovine sarà ricompensato. Meknes, una delle città imperiali del Marocco, offre un’esperienza di medina più rilassata rispetto a Marrakech e Fes.

Il carattere rilassato di Meknes la rende uno dei luoghi ideali per fare base se si vuole allontanarsi dal trambusto di Fes. Grazie al breve (e frequente) collegamento ferroviario tra Meknes e Fes, è possibile visitare interamente Fes con escursioni giornaliere da qui.

L’architettura della medina, il maestoso ingresso di Bab el-Mansour e il brillante Mausoleo di Moulay Ismail sono tre delle principali attrazioni di Meknes. Questa è anche la base più vicina a Moulay Idriss, una città di pellegrinaggio in cima alla collina e una delle città più pittoresche della regione.

Altre opzioni di visita si trovano nel nostro elenco delle principali attrazioni e Cose da fare a Meknes.

1 Passeggiate tra le rovine romane di Volubilis:

Le storiche rovine romane di Volubilis, situate a circa 29 chilometri da Meknes, sono la principale attrazione turistica della città.

Per una buona ragione, questa è la reliquia romana più conosciuta del Marocco. Le colonne e i resti del tempio di Volubilis sono uno spettacolo magnifico e fortemente evocativo, seduto in cima a una collina con il paesaggio che si estende al di sotto.

Sebbene la maggior parte di ciò che è stato scoperto qui sia ora esposto al Museo Archeologico di Rabat, molti dei bellissimi e complessi mosaici pavimentali delle grandi ville romane di Volubilis sono stati conservati, dando un assaggio della vita benestante romana.

La città raggiunse il suo massimo splendore tra il 24 e il 285 d.C., quando fu sede della provincia romana, e la maggior parte dei resti risale a questo periodo.

Particolarmente degni di nota sono la Casa di Orfeo, la Casa dell’Atleta e la Casa delle Fatiche di Ercole, con i loro mosaici eccezionalmente ben conservati.

2. Volubilis si trova a 32 chilometri a nord di Meknes.

Fotografare i vicoli dipinti a pastello di Moulay Idriss
La città santa di Moulay Idriss, fondata nel 788 d.C., prende il nome dal santo più famoso del Paese e pronipote del profeta Maometto, che creò il primo regno marocchino.

La città è situata sui contrafforti rocciosi delle colline Khyber e Tazga, a circa 29 chilometri a nord di Meknes, con le case che cadono spettacolarmente dai fianchi delle colline.

È un importante luogo di pellegrinaggio per i fedeli e una celebrazione religiosa annuale in agosto attira migliaia di persone che piantano le loro tende in tutta la città.

Poiché ai non musulmani non è consentito visitare i santuari della città, è possibile salire attraverso la medina (città vecchia), con i suoi piccoli vicoli tutti immersi in colori pastello, fino ai sentieri collinari sovrastanti e godere di una spettacolare vista sui tetti dell’intera comunità.

Moulay Idriss si trova sulla stessa strada di Volubilis e può essere visitato durante il tragitto verso o dalle rovine.

3. Ammirate l’arte di Bab al-Mansour:

La porta principale che collega la medina di Meknes e i quartieri della Città Imperiale è Bab al-Mansour.
Si tratta di un edificio massiccio e intricato che molti esperti di architettura considerano uno dei migliori esempi di porte sopravvissute in Nord Africa. Fu costruita nel 1732 dal sultano Moulay Ismail (anche se completata dopo il suo regno).

Lo squisito design architettonico della porta comprende un uso stravagante di piastrelle zellige e sculture in pietra.
La porta non è aperta in questo momento. Invece, si entra e si esce dalla medina e dalla Città Imperiale attraverso una porta laterale molto più piccola. In questo modo è possibile apprezzare completamente Bab al-craftsmanship Mansour’s senza essere distratti dal traffico.

Indirizzo: Place el-Hedim, Meknes.

4. Visita al Mausoleo di Moulay Ismail

Questo mausoleo, riccamente decorato, fu eretto per contenere la tomba del sultano Moulay Ismail. Che fece di Meknes la sua capitale imperiale nel XVII secolo.

Moulay Ismail è un noto sovrano marocchino. Il Marocco, così come lo conosciamo oggi, è nato sotto il suo regno, poiché è stato in grado di recuperare terre dagli inglesi e dagli spagnoli.

Con le sue squisite piastrelle, gli ornamenti in stucco e la muratura intagliata, l’interno della tomba esemplifica la meravigliosa esuberanza delle decorazioni religiose marocchine.

I non musulmani non possono entrare nella moschea stessa, ma possono esplorare le aree esterne del complesso e la sala della tomba, che è la caratteristica principale dell’edificio.

Quando si entra, bisogna togliersi le scarpe, vestirsi in modo modesto e ricordarsi di lasciare una mancia al guardiano.

Quartiere della Città Imperiale, Meknes.

5. Perdersi nella medina di Meknes

La medina (città vecchia) di Meknes è un luogo vivace e affollato, pieno di souk e vicoli tortuosi.

Place el-Him, una controparte più piccola e meno frenetica della Djemaa el-Fna di Marrakech, funge da ingresso principale.

È un ottimo terreno di caccia per gli amanti dello shopping, con il Souk Najarine che offre una pletora di bancarelle di tessuti e il Souk Sebbat che ospita un’infinità di negozi di artigianato tradizionale marocchino, oltre a vestiti e alle famose pantofole del Marocco.

Per quanto riguarda l’artigianato, si dovrebbero trovare prezzi migliori qui Cose da fare a Meknes.

La Grande Moschea del XII secolo, con il suo caratteristico tetto a tegole verdi, si trova proprio nel cuore della medina, rendendola semplice da percorrere.

La medina è ancora circondata da mura in rovina, alcune delle quali sono ancora completamente intatte. Furono costruite durante il regno del sultano Moulay Ismail, che fece di Meknes la sua capitale.

Posizione: Place el-Hedim, Meknes, ingresso principale.

6 Indagare l’architettura della Città Imperiale

Il quartiere della Città Imperiale di Meknes contiene molte intriganti rovine storiche da visitare. La maggior parte di esse risale all’epoca del sultano Moulay Ismail, quando Meknes era la capitale del Marocco.

La maggior parte delle persone viene a vedere il Mausoleo di Moulay Ismail, ma se avete tempo, vale la pena passare più tempo qui.

Place Lalla Aouda è la piazza principale dopo aver attraversato la grande porta di Bab el-Mansour. Da qui è possibile raggiungere a piedi la Koubat Al Khayatine. Si tratta dell’ex palazzo degli ambasciatori della città, una parte del quale è ora a disposizione del pubblico, con una modesta mostra fotografica su Meknes.

Il Mausoleo di Moulay Ismail è dietro l’angolo. Dar el-Kebir, il palazzo distrutto di Moulay Ismail nel XVII secolo, si trova accanto alla tomba.

Posizione: Place el-Hedim, Meknes, ingresso principale.

7. Visitare il Museo d’arte marocchina (Dar Jamai)

Il Dar Jamai fu costruito nel 1882 come casa della famosa famiglia Jamai e fu trasformato in Museo d’Arte Marocchina nel 1920.

Il museo conserva le ricche decorazioni tradizionali in legno dipinto e intonaco intagliato, che nel XIX secolo costituivano un elemento di arredo molto apprezzato dall’alta borghesia marocchina. All’esterno si trova un bellissimo giardino in stile andaluso.

Il museo è dedicato alle arti e ai mestieri della regione, con splendidi esempi di lavori in ferro battuto e sculture in legno.

Una delle sale è allestita come una tipica sala di ricevimento marocchina di fine Ottocento, per dare un’idea di come vivevano i ricchi di Meknes in quel periodo.

Posizione: Piazza el-Hedim, Meknes

8. Salite sul tetto della Medersa Bou Inania

Questa bella Medersa (istituto di studi islamici) si trova sepolta tra i vicoli del souk di Meknes, nel cuore della medina. Fu fondata nel XIV secolo.

L’architettura e l’arte degli interni della Medersa sono state accuratamente conservate, con la maggior parte delle squisite decorazioni in piastrelle zellige ancora al loro posto.

Gli studenti che studiavano teologia qui vivevano nelle piccole e austere celle che circondano il cortile centrale.

Dopo aver visto l’interno, non dimenticate di salire sul tetto verde. Da qui si può ammirare l’intera medina di Meknes e la Ville Nouvelle.

Indirizzo: Medina, Souk Sebbat

9. Visitare Heri es-Souani

Le strutture di Heri es-Souani, che in passato fungevano da granai e stalle per cavalli della città imperiale, si trovano a due chilometri di cammino polveroso dalla zona della città imperiale di Meknes.

In origine qui venivano stallati fino a 12.000 cavalli e la struttura era molto più grande di quella attuale.

Il complesso è stato riparato solo in parte e manca di un tetto, ma sono rimasti gli ingressi ad arco e le volte.

La struttura di Heri es-Souani è frequentata da un numero molto minore di turisti rispetto alle attrazioni del centro di Meknes e potreste essere gli unici a visitarla, il che la rende un luogo meravigliosamente suggestivo da esplorare.

10. Passeggiare nel bacino di Souani

Il bacino di El Souani (chiamato anche bacino di Agdal) è un lago artificiale che forniva acqua ai giardini del sultano Moulay Ismail e faceva parte del magnifico sistema di acquedotti del sultano che portava l’acqua in città.

Le mura esterne dell’Heri es-massive Souani circondano il lato sud-occidentale del lago, offrendo un magnifico sfondo. Se volete vedere entrambe le cose, andate prima a Heri es-Souani e poi al bacino di Souani al tramonto.

Oggi il lago si anima dopo il crepuscolo, quando le famiglie locali si riuniscono qui per far correre i loro bambini, mangiare e passeggiare sul sentiero del lago.

Storia:

Il sultano Moulay Ismail, uno dei primi re della dinastia alawita del Marocco, fondò questa metropoli imperiale (la Versailles marocchina) come capitale del Marocco in una ricca pianura a nord del Medio Atlante, vicino a Fez.

Moulay Ismail salì al potere all’età di 26 anni nel 1672 e governò per 55 anni. Quando una principessa francese rifiutò di sposarlo, il giovane sultano promise di creare una città reale che fosse all’altezza di Versailles per magnificenza. Arruolò l’aiuto di 50.000 operai per costruire una successione di palazzi, chilometri e chilometri di mura, merlature e bastioni, oltre a un grande mercato.

Il figlio di Moulay Ismail, Moulay Abdallah (1727-1757), e suo nipote Sidi Mohamed ben Abdallah completarono la metropoli imperiale (1757-1790).

Quando Meknes perse il suo status di capitale imperiale all’inizio del XIX secolo, cadde in disuso. Meknes fu restaurata e rivitalizzata solo durante il regno di Moulay Hassan, verso la fine del secolo.

Dove alloggiare per visitare Meknes

A Meknes non ci sono molti alberghi e la maggior parte di essi si colloca nella fascia di prezzo media. I luoghi più affascinanti dove alloggiare nella medina sono i riad (pensioni in case tipiche marocchine). Contattateci. Un tour nel deserto del Marocco unico nel suo genere per Maggiori informazioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>