Cose da fare a Marrakech

Cose da fare a Marrakech

Cose da fare a Marrakech Marrakech è la più famosa delle città imperiali del Marocco, fondata nel 1062, è una città vivace e affascinante, ricca di storia, arte, colori, aromi e con una medina meravigliosa.
di storia, arte, colori, aromi con una meravigliosa medina.
Non è indispensabile avere una guida per esplorare la città rossa, con l’uso di mappe sarete in grado di navigare la medina facilmente da soli.
da soli. I mercati, i souk, sono interessanti e ogni vicolo è dedicato a un tipico artigianato locale, dove potrete anche assistere al processo di produzione di vari oggetti.
dove potrete anche assistere al processo di produzione dei vari prodotti.
Se vi perdete non preoccupatevi, anzi, potrebbe essere divertente. È meglio visitare i mercati al mattino presto o nel tardo pomeriggio per evitare la folla.
per evitare la folla.
Vi consigliamo di visitare il Museo di Marrakech, che ospita opere d’arte e sculture marocchine sia di arte contemporanea che tradizionale, il Dar Siri, che ospita opere d’arte contemporanea e tradizionale.
contemporanea e tradizionale, il Museo Dar Si Said, dove è esposto l’oggetto più antico di Marrakech, e il Museo Bert Flint, dove sono esposti costumi, gioielli e oggetti di valore.
Flint, dove sono esposti costumi, gioielli e mobili del passato.

Che dire poi della meravigliosa Moschea della Koutoubia, della Koubba Ba’adiyn, l’edificio più antico della città, della Medersa di Ben Youssef, di El Bahia e del Museo di Marrakech.
Youssef, il Palazzo El Bahia e le Tombe Saadiane? Assolutamente da non perdere! Se volete rilassarvi un po’, il Jardine
Majorelle e i Giardini della Menara sono i luoghi che fanno per voi! Ecco alcune curiosità su ogni luogo.

Medina di Marrakech

La Medina di Marrakech è il cuore geografico e spirituale della città rossa: costruita nel 1070 dalla dinastia berbera degli Almoravidi.
berberi Almoravidi. È delimitata a sud dai giardini della Moschea Koutoubia e al suo centro si trova la magica piazza Djemaa el Fna.
Piazza brulicante di vita
I souk si rincorrono tra i vicoli stretti e tortuosi della Medina, dove si possono ammirare numerosi e imponenti
monumenti impressionanti, come la Kasbah fortificata del 1185, il Palazzo Reale, il quartiere arabo, i grandi palazzi reali, oggi trasformati in musei o in eleganti hotel, la
trasformati in musei o eleganti hotel, le tombe saadiane e molto altro ancora.
Inserita nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO, la Medina di Marrakech è un vero e proprio museo all’aperto che si estende per 700 ettari e che è riuscito a mantenere la sua struttura urbana e urbana.
e ha saputo mantenere la sua unicità urbanistica e architettonica nel corso dei secoli.
Le mura che circondano la Medina sono state costruite nel 1126 e i palmeti, che si trovano a est della città e coprono un’area di 13 mila ettari, sono stati costruiti in modo tale da poter essere utilizzati per la costruzione della Medina.
est della città e che coprono un’area di 13 mila ettari, sono anch’essi riconducibili a quel periodo.

Madrasa di Ben Youssef

Al centro della Medina si trova la Madrasa Ben Youssef, un vero gioiello dell’architettura moresca. Questo centro di insegnamento islamico islamico, composto da una scuola e da una moschea, fu fondato nel 1300 dal sultano Abou el Hassan e poi modificato nei secoli successivi fino alla forma attuale. secoli successivi fino a raggiungere la forma attuale. La Madrasa è caratterizzata da una pianta quadrata di 1680 metri quadrati, che la rende una delle più grandi del Marocco.
uno dei più grandi del Marocco. Gli edifici della Madrasa Ben Youssef presentano soffitti in cedro splendidamente intagliati,stucchi e piastrelle colorate in zellij.
È probabile che questo complesso sia stato realizzato in parte da artigiani andalusi, vista la stretta somiglianza con il palazzo dell’Alhambra di Granada. di Granada. Il cortile centrale, su cui si affacciano i dormitori, ha una grande vasca in marmo di Carrara per le abluzioni, procedura islamica di pulizia di parti del corpo, un tipo di purificazione rituale. La pavimentazione interna è costituita da piastrelle bicolore e da mosaici di 5 diversi tipi di
e mosaici di 5 colori diversi, mentre i lati con due gallerie su colonne sono rifiniti in cedro e stucco di gesso con raffigurazioni del Corano. stucco con raffigurazioni del Corano. Il Mihrab, la sala della preghiera, è lo spazio con la decorazione più elaborata e presenta motivi di pigne e palme stilizzate che gli conferiscono un aspetto tridimensionale. palme per conferirgli un aspetto tridimensionale.

Koubba Ba’Adiyn

La Koubba Ba’Adiyn è uno dei pochi edifici della dinastia berbera degli Almoravidi ancora presenti in Marocco. È l’edificio più
più antico di Marrakech. La dinastia Almoravide ha governato in Marocco tra l’anno 1000 e il 1500,
La Koubba, che si trova accanto al Museo di Marrakech, è un piccolo edificio di forma quadrata, costruito nel 1117.
è molto significativo perché il suo stile è alla base di tutta l’architettura marocchina.
I motivi decorativi a forma di palme e foglie d’acanto, gli archi sagomati con arabeschi intrecciati sono presenti in molti altri edifici successivi in tutto il Marocco.

sono presenti in molti altri edifici successivi in tutto il Marocco. All’interno si trova una grande cisterna per l’acqua, la cupola sovrastante è ornata da decorazioni
decorazione epigrafica, la più antica iscrizione corsiva del Nord Africa. La koubba di Ba’adiyn è stata costruita con marmo e legno di cedro.
legno di cedro. Sotto l’edificio si trovano tre falde acquifere sotterranee con una profondità tra i 20 e i 30 metri.

Museo di Marrakech

Il Museo di Marrakech, noto anche come il Gioiello di Marrakech, è ospitato all’interno del Palazzo Dar M’ Nephi, una splendida struttura che da sola vale la visita.
Tra le decine di sale decorate, i pilastri, i mosaici e gli archi sono ospitate splendide collezioni di artigianato berbero, ebraico e musulmano, di oggetti d’arte islamica, di oggetti d’artigianato e di oggetti d’arte.
musulmani, monete islamiche, oggetti etnografici e ceramiche, documenti storici e oggetti archeologici.
All’interno del museo vengono inoltre organizzate mostre di arte contemporanea e di scultura tradizionale.

Situato di fronte alla Madrasa di Ben Youssef, l’edificio è un bellissimo palazzo moresco della fine del XIX secolo, costruito da Mehdi Mnebbi, un architetto di fama internazionale.
Mehdi Mnebbi, ambasciatore marocchino a Londra, e fu poi acquistato da T’Hami el Glaoui, pascià di Marrakech, durante il periodo di protesta francese. Cose da fare a Marrakech, durante il protettorato francese.
Il palazzo ha un bellissimo cortile interno e nella parte centrale si trovano suggestive fontane di marmo. Le ex scuderie sono state
trasformate in biblioteca, biglietteria e caffetteria.

Bab Agnaou

La Medina di Marrakech è in gran parte ancora circondata dalle mura costruite nel XII secolo con 19 porte d’ingresso ad arco.
Bab Agnaou è una delle porte più note di Marrakech, riccamente decorata dagli artigiani locali. La sua costruzione è attribuita
al califfo almohade Abu al-Mansur e fu completata intorno al 1190. La porta era il principale ingresso pubblico al
quartiere reale della kasbah, nella parte meridionale della medina.
Situata vicino alle Tombe Saadiane e al Palazzo El Badi, la porta di Bab Agnaou aveva una funzione principalmente decorativa. L’imponente facciata, decorata con
facciata imponente, decorata con disegni floreali, è composta da sezioni alternate di pietra e mattoni e presenta un arco a ferro di cavallo.
arco a ferro di cavallo.

Museo Tiskiwin

All’interno dell’edificio del teatro municipale di Marrakech si trova il Museo Tiskiwin, un’esposizione di tessuti e costumi teatrali, gioielli, armi, musica, ecc.
costumi teatrali, gioielli, armi, strumenti musicali, mobili e tappeti, tutti raccolti dallo storico dell’arte olandese Bert Flint.

Un museo è un luogo interessante per chi vuole conoscere meglio la cultura e le tradizioni popolari delle due aree
Marocco, la Valle del Souss e il Sahara. I manufatti sono stati raccolti in un periodo di 50 anni e sono suddivisi in aree geografiche e culturali.
divisi per aree geografiche e culturali.
La ricerca ha portato Flint ad analizzare in particolare il simbolismo trasmesso, il know-how, le credenze e le tecniche utilizzate. Lo
Lo storico olandese è l’unico ad oggi ad aver condotto una simile ricerca etnografica sull’arte rurale marocchina.

Museo di Dar Si Said:

Durante la vostra visita a Marrakech non perdete il Museo di Dar Si Said, uno spazio espositivo che racconta la storia dell’artigianato marocchino attraverso oggetti risalenti a diversi secoli fa ma talvolta ancora in uso.
marocchino attraverso oggetti risalenti a diversi secoli fa ma talvolta ancora in uso.
Il museo si trova all’interno di un opulento riad che fungeva da residenza del fratello di un visir alla fine dell’800: al piano terra, armi decorate, strumenti musicali, oggetti di artigianato marocchino.
piano terra, armi decorate, strumenti musicali, utensili da cucina, vestiti, oggetti in rame, gioielli berberi e molto altro ancora
di armi decorate, strumenti musicali, utensili da cucina, abiti, oggetti in rame, gioielli berberi e molto altro ancora vi incanteranno con la loro bellezza, mentre al secondo piano le decorazioni ispano-moresche vi faranno fare un
un indimenticabile viaggio nel tempo nella stanza di una sposa.
Le altre sale espositive sono ricche di tappeti di ogni fattura e provenienti da ogni angolo del mondo, compresi quelli provenienti dalla regione del Sahara.
dalla regione del Sahara e caratterizzati dall’uso del cuoio.

Palazzo El Bahia:

Nel cuore della Medina si trova il Palazzo El Bahia, un bellissimo esempio di architettura alawita costruito tra il 1894 e il 1900 per le concubine di Ahmed.
per le concubine di Ahmed Ibn Moussa.
Il nome dell’edificio significa splendore ed era infatti destinato a essere il palazzo più maestoso del Marocco. All’interno della
struttura, che ospitava 4 mogli e 24 concubine, si trova un harem di 160 stanze diverse, cortili con fontane, giardini e aree private, tutte riccamente decorate,
e aree private, tutte riccamente decorate.

Stucchi, decorazioni in piastrelle zellige (le piastrelle zellige in terracotta smaltata sono state realizzate quasi allo stesso modo per secoli, caratterizzate da
di terracotta smaltata sono state realizzate quasi allo stesso modo per secoli, con una ricca colorazione, una trama intricata e un’assoluta particolarità), pavimenti in terracotta, archi lisci, soffitti in cedro intagliato,
marmo lucido e il giardino di otto ettari vi lasceranno senza fiato. Il Palazzo El Bahia è ancora utilizzato dalla famiglia reale marocchina quando si trova in città.
reale marocchina quando si trova in città, ma per la maggior parte del tempo è aperto alle visite.

Palazzo El Badi Cose da fare a Marrakech

Il Palazzo el Badi, traduzione letterale Incomparabile, era un sontuoso palazzo decorato con piastrelle dipinte a mano, mosaici, oro, onice, marmo e ricoperto da soffitti in legno di cedro, ma oggi non rimane molto del suo antico splendore. Il sovrano alawita Moulay Ismail lo saccheggiò 75 anni dopo la sua costruzione per edificare il suo palazzo imperiale a Meknes.
Conosciuto anche come Palazzo dei Tre Re o Palazzo Vecchio, il Palazzo el Badi fu costruito nel XVI secolo dal Sultano
Ahmed Al Mansour Saadian Dhahbi per celebrare la sua vittoria sull’esercito portoghese.

Il sultano scelse di costruirlo nella
angolo nord-orientale della Kasbah, vicino ai suoi appartamenti privati, e volle un ampio cortile con una fontana monumentale al centro, con due vasche sovrapposte sormontate da un getto d’acqua.
Su entrambi i lati c’erano due padiglioni sormontati da cupole sostenute da dodici colonne, mentre due padiglioni più grandi occupavano i lati nord e sud.
lati settentrionali e meridionali. Oggi el Badi è praticamente in rovina e rimangono solo alcuni frammenti di colonne, stucchi e tegole. di colonne, stucchi e tegole.
Vale la pena visitare le prigioni sotterranee e la terrazza da cui si gode una magnifica vista sui tetti di Marrakech.
Marrakech. Inoltre, nel mese di giugno, il palazzo el Badi è teatro di un festival popolare con la partecipazione di gruppi musicali e ballerini provenienti da tutto il mondo.
gruppi musicali e ballerini provenienti da tutto il Marocco.

Tombe dei Saaditi:


Le Tombe dei Saaditi si trovano appena fuori Marrakech, in direzione sud, vicino alla moschea della Kasbah. Scoperte nel 1917dal generale francese Lyautey dopo essere stato isolato per secoli, il sito è stato accuratamente restaurato per diventare una delle principali attrazioni del Marocco.
principali attrazioni del Marocco.

Costruite nel corso del 1500, le tombe ospitano circa 200 bare di membri della dinastia saadiana, tra cui il sultano Ahmed el Mansour, e uomini illustri dell’epoca.
Questo luogo di sepoltura presenta due mausolei, splendidi soffitti a cupola, sculture in marmo, mosaici e stucchi intarsiati. La Sala delle 12 colonne è particolarmente impressionante e presenta colonne di marmo italiano, stucchi, un tetto a volta e porte di cedro finemente decorate.

Cose da fare a Marrakech (Giardini della Menara):

I Giardini della Menara, costruiti nel XII secolo a ovest di Marrakech, si trovano a circa 45 minuti a piedi da Piazza Djemaa el Fna e sono un’oasi all’interno della città.
e sono un’oasi all’interno della vivace città rossa.
Al suo interno si possono ammirare orchidee, palme, alberi da frutto, ulivi, canali di irrigazione e un lago artificiale in cui sgorga l’acqua delle fonti che si trovano a circa 30 chilometri di distanza.
fonti che si trovano a circa 30 chilometri di distanza e necessarie per irrigare la zona.
All’interno del parco si trova anche un padiglione con un piccolo tetto verde a forma di piramide, incassato 1500, che si affaccia sul lago eoffre una splendida vista sui giardini e, in lontananza, sulle montagne dell’Atlante.

Giardini Majorelle Cose da fare a Marrakech

Il pittore francese Jacques Majorelle si trasferì a Marrakech nel 1919 e, tre anni dopo, acquistò un palmeto dove costruì una splendida villa Art Déco. villa in stile Art Déco.Intorno alla residenza, creò un giardino botanico, il Jardine Majorelle, ispirato a un giardino islamico, ricco di vegetazione lussureggiante, uno stagno centrale e un giardino
vegetazione lussureggiante, uno stagno centrale e rare specie di piante. Nel 1980, Pierre Bergé e Yves Saint Laurent acquistarono l’area e la riportarono in vita.

Ora nelle mani della loro fondazione, il giardino ospita sentieri ombreggiati, piante esotiche, cactus, yucca, gigli, gelsomini,
bouganville, palme, noci di cocco, banani, bambù e ninfee che condividono lo spazio con fontane e pergolati dando
Il giardino ospita anche più di 15 specie di uccelli endemici del Nord Africa. Nel dicembre 2011 è stato inaugurato un museo
Nel dicembre 2011 è stato inaugurato un museo al piano terra della villa e oggi il Jardine Majorelle, un paradiso verde nel cuore della città rossa, è uno dei luoghi più visitati del Marocco.
uno dei luoghi più visitati del Marocco, con oltre 600.000 visitatori all’anno.

Contattateci per maggiori informazioni sulle Cose da fare a Marrakech.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>