Cosa si deve sapere su Dakhla

Dakhla

La città di Dakhla si trova nel Sahara occidentale, una regione contesa del globo. Da tempo si discute se appartenga al Marocco o se debba essere considerata un Paese autonomo. Quando vado, il mio scopo è aiutare l’economia e le infrastrutture locali. Non ho alcun obiettivo politico. Il nostro viaggio a Dakhla è stato interamente autofinanziato e non è stato sostenuto da alcuna società, governo o gruppo. Capisco che ci sono persone da entrambi i lati di questa discussione e vi chiedo rispettosamente di astenervi dal discutere le vostre opinioni politiche nella sezione commenti di questa pagina.

Dakhla Marocco:

Dakhla è una città di medie dimensioni con una popolazione di poco più di 100.000 abitanti, situata a 400 chilometri a nord del confine con la Mauritania. La città è costruita su una penisola che si estende dalla terraferma, formando una regione lagunare rinomata per il kite surf e l’osservazione degli animali. A differenza del resto del Marocco, questa parte del Sahara è stata sotto la sovranità spagnola per centinaia di anni e ha forti legami con le Isole Canarie. Dakhla è stata designata come capitale del Sahara spagnolo.

La storia recente della regione e i suoi retroscena sono complicati. La situazione è diventata un po’ più caotica negli anni ’60 e ’70, quando sia la Mauritania che il Marocco hanno esercitato pressioni sulla Spagna affinché rinunciasse alla regione.

A partire dal 1975 la regione è stata considerata gestita congiuntamente dalle due nazioni, ma nessuna delle due ha riconosciuto l’altra, dando luogo alla guerra del Sahara occidentale, che è durata dal 1975 al 1991, quando è entrato in vigore un cessate il fuoco promosso dalle Nazioni Unite. La maggior parte del territorio è attualmente sotto l’amministrazione marocchina, anche se un settore interno è governato dalla Repubblica Democratica Araba Saharawi, gestita dal Fronte Polisario, un controverso attore terzo.

Capisco che tutto questo sembri un po’ allarmante, ma se state visitando Dakhla, è una città davvero sicura con spiagge bellissime. A parte gli amanti del kitesurf, non ci sono molti visitatori internazionali, ma la maggior parte dei turisti sono marocchini.

A Dakhla la temperatura è mite tutto l’anno, quindi non si soffre il caldo come in altre zone del Sahara. Una cosa da tenere presente è che potrebbe essere molto ventoso. Se avete bambini piccoli, potrebbe non essere la scelta ideale per un viaggio in spiaggia, ma se avete adolescenti attivi, ameranno tutte le alternative.

DAKHLA È SICURA?

La domanda più frequente che mi è stata posta da quando ho organizzato il nostro viaggio è: “Dakhla è sicura?”. Ci sono molte informazioni al riguardo. Posso solo commentare in base alla mia esperienza personale e alle conversazioni con gli abitanti di Dakhla.

Non mi sono mai sentita in pericolo o minacciata.

Molte persone preferiscono soggiornare nelle località balneari, che sono piccoli insediamenti isolati. Se visitate la città di Dakhla, troverete la gente molto gentile e accogliente. Dakhla è una boccata d’aria fresca per le donne che visitano e trovano che altri luoghi del Marocco siano un grattacapo in termini di molestie di strada. Anche quando ero seduta fuori da sola, non mi è stato fatto alcun commento irrispettoso. Questo è stato qualcosa di assolutamente unico, secondo me.

Ci sono alcuni luoghi da evitare, proprio come in qualsiasi altra destinazione. Le aree interne controllate dalla SADR sono sconsigliate. Inoltre, se volete recarvi in Mauritania, dovete sapere che è consigliato (e, secondo alcune fonti, necessario) viaggiare in convogli da

Dakhla fino al confine.

Se volete noleggiare un’auto a Dakhla, tenete presente che la ricezione del GPS è piuttosto limitata – siamo nel Sahara, dopo tutto, e ci sono poche strade asfaltate. Molti sentieri non sono segnalati e sono sterrati. Ho scosso la testa molte volte, chiedendomi come facessero gli altri a trovare la strada. Guidare fuori strada quando non si sa dove si sta andando non è un’idea intelligente, perché alcune porzioni di terreno sono ancora minate.

COME ARRIVARE A DAKHLA:

Data la lunga distanza, ci sono poche possibilità per arrivare a Dakhla. È anche uno dei luoghi più costosi da visitare.

In aereo

Dakhla è servita da aerei nazionali e internazionali. Ci sono voli diretti da Agadir e Casablanca, e Royal Air Maroc collega queste destinazioni da altre parti del Marocco. Questi voli nazionali sono piuttosto costosi, con biglietti di andata e ritorno che costano circa 200 dollari a persona.

Air Arabia offre ora voli molto più economici da Marrakech a Dakhla. Se avete intenzione di fare il viaggio, questa è una fantastica alternativa.

I voli internazionali arrivano dalla Francia e dalla Germania, oltre che dalle Isole Canarie su base stagionale. L’aeroporto di Dakhla è minuscolo. Essendo costituito da una sola pista e da un solo minuscolo terminal, non dovrete preoccuparvi di perdervi o di arrivare troppo presto per il vostro viaggio.

Prendere l’autobus

Supratours, CTM e la meno costosa SATAS offrono un servizio di autobus dalle principali città marocchine a Dakhla. I biglietti costano circa 500 dirham e non sono disponibili in anticipo. Tenete presente che la strada è lunga. La distanza tra Marrakech e Dakhla è di circa 1.400 chilometri e il viaggio in autobus dura più di 24 ore.

Viaggiare in auto

Se siete alla ricerca di un viaggio in auto memorabile, questo è il caso. Ci vorranno almeno due giorni per completare il viaggio, con una sosta nel mezzo. È inoltre prevedibile che lungo il viaggio si verifichino diversi fermi di polizia, quindi è bene seguire le regole della strada ed essere preparati. Si consiglia inoltre di evitare di guidare di notte, poiché non ci sono luci e ci si può trovare faccia a faccia con un cammello che attraversa la strada.

COSA FARE A DAKHLA

A prima vista, non sembrava esserci molto da fare a Dakhla, eppure abbiamo esaurito il tempo a nostra disposizione per visitare tutto quello che volevamo!

KITE SURFING Dakhla Marocco:

È il motivo più gettonato dai visitatori di Dakhla. Nella regione ci sono centinaia di hotel e resort specializzati in campi da kite surf. Ci sono anche numerosi altri fornitori che si occupano esclusivamente di fornire attrezzature per il kitesurf e di trasportare i kitesurf nelle località in cui si pratica.

Ce n’è per tutti i gusti, sia per i principianti che per gli esperti. Se avete intenzione di praticare il kitesurf, verificate le offerte di pacchetti che includono una camera, l’imbarco e l’attrezzatura per risparmiare. Ad esempio, se non volessimo il pacchetto, potremmo fare 8 ore di lezione di kitesurf per 300 € o spendere circa 80 € all’ora.

Siete preoccupati di cosa indossare in spiaggia? Con queste scelte di fantastici costumi da bagno e copricostume, vi copro io.

LA DUNA BIANCA:

Non ne ero sicuro, ma ci è stato detto che dovevamo guardarla. Si tratta essenzialmente di un’enorme duna di sabbia al centro di una laguna. Quando la marea si ritira, l’acqua si ritira, rivelando una vasta distesa di terra. Quando la marea si alza, circonda la duna ma si spinge solo fino a un certo punto.

È un po’ insolito, ma anche molto fantastico! È un luogo eccellente per osservare gli uccelli migratori e ci è stato detto che gli amanti del kite surf lo usano come punto di lancio nel lago quando la marea è alta. Se l’acqua fosse abbastanza alta, potrei immaginare che sia piacevole utilizzarlo come scivolo naturale!

IMLILI:

Questa è forse una delle cose più strane che abbia mai visto. Il deserto di Imlil si trova a circa 100 chilometri a sud di Dakhla. Al centro di questo paesaggio arido si trovano 160 piscine naturali di acqua salata, chiamate sebkha. Non solo, ma queste pozze d’acqua ospitano piccoli pesci d’acqua salata.

Nelle vicinanze si trovano anche pozzi d’acqua dolce, che attirano pastori e animali selvatici. È molto strano, ma immensamente affascinante da vedere. L’oceano non è lontano (circa 20 chilometri) e ci sono numerose spiagge davvero belle da esplorare prima di tornare in città.

TÈ SAHARAWI:

Se ci riuscite, questa è un’esperienza che ogni turista della zona dovrebbe fare. Il tè Saharawi viene prodotto e consumato in modo unico. Comporta un sacco di versamenti e il consumo di 3-4 tazze di tè, ognuna delle quali ha un sapore diverso. Questa è stata una delle mie attività preferite, in quanto offre un’esperienza culturale. Preparatevi a una lunga operazione; credo che ci sia voluta più di un’ora!

DAKHLA SOUK:

A Dakhla c’è un modesto souk (a differenza di Marrakech) che dovreste visitare. In questa città si possono acquistare articoli molto più vari che in altre città. Tra gli articoli che ho acquistato c’erano i tessuti Melhfa (i leggeri involucri usati dalle donne saharawi), il tè sfuso saharawi, la linfa di acacia per dolcificare il tè e l’el aych, una sorta di cereale popolare nella regione. Avrei voluto fermarmi più a lungo!

ALLEVAMENTI DI OSTRICHE DI DAKHLA:

Le ostriche sono una delle esportazioni più importanti della regione, soprattutto verso l’Europa, ma i coltivatori locali stanno lavorando per aumentare l’interesse dei marocchini verso questa cucina. L’ubicazione ha senso: la laguna è una regione protetta, quindi l’acqua e i dintorni che circondano le ostriche sono estremamente puliti.
Tutta la raccolta viene effettuata a mano e si presta molta attenzione alla sicurezza delle ostriche. Siamo andati al mattino e al pomeriggio; al mattino abbiamo visto i dipendenti raccogliere e ispezionare le ostriche, ma nel pomeriggio l’acqua si era alzata e le ostriche erano completamente nascoste.

LA FATTORIA DEGLI STRUZZI:

Sono sicura che c’è un nome per questa fattoria, ma non sono sicura di quale sia! Siamo venuti solo per una breve visita per vedere questi strani uccelli, che vengono allevati e trasportati vivi all’estero o utilizzati per la carne nei ristoranti di alto livello. Non direi che vale la pena di fermarsi a lungo, ma per 10dh a persona e se riuscite a trovarlo quando è aperto (come per molte cose a Dakhla, gli orari sembrano non essere rispettati), vale la pena fare una sosta sulla strada per Dakhla.

Vi state chiedendo della spiaggia di Dakhla. Ecco come stanno le cose. Sì, Dakhla ha una pletora di belle spiagge. Ma c’è anche molto vento. Quindi non credo che verrei qui se il mio obiettivo principale fosse quello di sdraiarmi sulla spiaggia e abbronzarmi, perché sareste ricoperti di sabbia. Mi dispiace!

DOVE MANGIARE A DAKHLA:

Se alloggiate in uno degli hotel per kitesurf, il vostro soggiorno sarà quasi certamente all-inclusive. È una buona idea se non avete un mezzo di trasporto per andare e tornare dalla città, perché la distanza è notevole e la maggior parte dei resort non sono vicini a nulla. Tuttavia, la cucina potrebbe diventare monotona dopo un po’. In queste circostanze, ecco alcuni consigli per i luoghi che ci sono piaciuti!

BEWok asiatico a Dakhla Westpoint:

Se prenotate, potrete entrare in questo ristorante. Offre cibo asiatico, che può essere un’idea gradita se siete annoiati dalle solite cose, e il sushi è delizioso!

Ntifi:

È un piccolo ristorante nel cuore di Dakhla. Il nostro autista ci ha portato qui per il couscous del venerdì ed è sicuramente un posto locale. Tutti quelli che hanno mangiato qui erano del posto! Il proprietario e sua moglie erano molto coinvolti e la moglie Fassi si occupa della cucina. Il venerdì servono il couscous, mentre negli altri giorni offrono prelibatezze come la r’fissa o la b’stila! Avrebbero potuto cucinarci il couscous di cammello se avessimo ordinato il giorno prima, ma ahimè. Invece, il nostro autista è sceso in strada e ci ha portato degli spiedini di cammello alla griglia da accompagnare. Una cucina marocchina autentica e deliziosa.

Talhamar:

È il ristorante dell’allevamento di ostriche. Si possono mangiare ostriche fresche o alla griglia, oltre a una selezione di altri frutti di mare. Il nostro piatto preferito è stato il tajine di polpo, perfettamente preparato e per nulla gommoso. L’offerta cambia a seconda della stagione: di recente non ho trovato l’aragosta. Le ostriche crude costano solo 4dh l’una, mentre il tajine costa 40dh. I prezzi sono davvero accessibili! Una parola di cautela, però: non ci sono servizi igienici, quindi pianificate di conseguenza!

Una delle idee sbagliate sul mangiare in questa zona è che si mangia molta carne di cammello. Non è così, a quanto pare. Anche quando ci siamo informati, non siamo riusciti a trovare un cammello da nessuna parte. Sembra che qui i cammelli siano valutati molto più da vivi che da morti, come avviene più a nord.

DOVE ALLOGGIARE A DAKHLA:

Quando ho iniziato a cercare i posti dove alloggiare a Dakhla, mi sono resa conto che pochissimi permettono di pagare online o sono inseriti negli aggregatori di prenotazione. In alcuni casi, veniva anche richiesto il pagamento anticipato tramite bonifico bancario prima del soggiorno. È un aspetto da tenere in considerazione quando si prenota.

Atteggiamento di Dakhla:

Questo è uno dei motel più popolari della zona per il kite surf. Anche se abbiamo pensato di soggiornare qui, sapevamo che non avremmo fatto kitesurf, ma è un luogo molto attivo. Ci sono due campeggi, tre tipi diversi di alloggi e una varietà di fasce economiche che lo rendono una valida opzione da esplorare. L’alloggio è all-inclusive.

Ocean Vagabond:

Questo hotel, con sedi a Essaouira e Dakhla, è un luogo perfetto per staccare la spina. Abbiamo cercato di prenotare questo hotel inizialmente, ma richiedono un soggiorno minimo di 5 notti, e noi siamo stati lì solo per quattro. Ci sono massaggi, yoga, kitesurf e molto spazio per riposare in loco. Poiché il resort è un ecolodge, si sforza di essere il più ecologico possibile.

Hotel Dakhla Club:

Questo è l’hotel in cui abbiamo scelto di soggiornare. È un hotel più recente, aperto da circa un anno. Offre la possibilità di praticare il kite surf, ma noi non l’abbiamo provato. Nel complesso, ci siamo trovati bene. I prezzi erano ragionevoli (è all-inclusive) e abbiamo trovato il personale gentile, estroverso e invitante. Anche il cibo era delizioso, anche se al quarto giorno mi ero stancato di mangiare sempre le stesse cose e mi sarebbe piaciuto variare un po’. Nel complesso, una decisione saggia!

Tour nel deserto del Marocco, Se cercate escursioni di un solo giorno o di più giorni nella zona, non andate oltre questa azienda. Si dedicano alla stabilità ecologica della zona e offrono ai visitatori una serie di tour molto affascinanti.

Dakhla è sicura?

Sì, so che Dakhla è sicura, ci vado spesso e non mi sono mai perso nulla e penso che come voi conosciate Dakhla, l’abbronzatura, la piscina e così via.
Conosco Dakhla dal 2006 e penso che sia sicura e nessuno è mai stato aggredito o derubato a Dakhla ed è sicura…
Trascorro le vacanze con la mia famiglia a Dakhla e penso che sia sicura e nessuno è mai stato aggredito o derubato a Dakhla ed è sicura…
Ci vado spesso e non mi sono mai perso nulla e penso che come voi conoscete Dakhla, l’abbronzatura, la piscina e così via…

Vale la pena visitare Dakhla?

Dakhla (arabo: الدخلة) è la capitale del territorio del Sahara occidentale controllato dal Marocco. Situata in una grande oasi nel deserto del Sahara (la parte meridionale del Marocco), è stata sede di civiltà successive: i Fenici (noti come Lixus), i Romani, i Vandali e l’Impero bizantino.
Il Marocco è un Paese dell’Africa nord-occidentale. Ha una costa sull’Oceano Atlantico e il Mar Mediterraneo a nord. Il territorio di questa regione è prevalentemente montuoso. Il Marocco ha una lunga e stretta pianura costiera nel nord, un altopiano centrale e altipiani coperti da montagne (Medio Atlante e Alto Atlante) e grandi deserti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>