Capre sugli alberi in Marocco

Capre sugli alberi in Marocco

Si vedono capre sugli alberi in Marocco vicino all’autostrada che va da Marrakech a Essaouira? Sì, ci sono capre che si arrampicano sugli alberi nel sud-ovest del Marocco, nella valle del Sous.

Le capre marocchine amano arrampicarsi sugli alberi solo nei luoghi in cui l’argan cresce molto. Nel mondo della cosmesi, le noci di argan sono molto preziose. Provengono da alberi chiamati alberi di argan. Tuttavia, c’è un animale che ama queste noci ancora di più della capra marocchina: le mangia.

In Marocco, le capre amano arrampicarsi sugli alberi per raggiungere le loro noci preferite. In realtà, sono lavoratrici agricole che aiutano gli agricoltori della loro zona. Nella zona vivono donne berbere che raccolgono il resto della noce e lo usano per produrre l’olio più costoso del mondo, che vale milioni di dollari. Loro mangiano solo una piccola parte della noce.
Gli abitanti di Essaouira hanno molti alberi su cui le capre si arrampicano. Tra poco vi racconterò di più sulle capre degli alberi di Essaouira.

Siete interessati a un tour delle capre marocchine? Contattateci subito!

Alberi di argan

L’albero di argan è un’arte arborea preistorica che cresce solo in Marocco e solo in alcune zone del Paese, come Essaouira, dove si trova in montagna. È un’arte arborea che cresce solo in Marocco. Possono crescere in un ambiente desertico e rigido, mentre la maggior parte delle piante non può farlo. Tra Marrakech ed Essaouira il clima del Sahara è molto caldo, quindi anche se sono abbastanza forti da resistere al calore, il loro ambiente è molto duro.

Gli alberi di argan hanno un bisogno critico di aiuto e protezione e c’è una campagna in corso per salvarli. Ampie parti della foresta sono state tagliate dalla gente del posto e le affamate capre marocchine si sono prese anche parte del raccolto.

Tuttavia, gli alberi sarebbero molto importanti per l’economia del Marocco, il che sarebbe molto positivo per gli alberi. La gente vuole l’olio di argan, ricavato da noci ricche di vitamine e minerali che possono essere trasformate in olio pregiato.

Un olio che proviene dall’albero di argan.

Se volete mantenervi in salute, utilizzate l’olio di argan. Può essere utilizzato anche come olio da cucina in alcune ricette. In Marocco si usa l’olio d’oliva per le insalate, per preparare le tagine e come condimento per il pane.

Utilizzano l’olio di argan anche per ragioni mediche, come il trattamento di quasi tutte le malattie. Questo non è l’unico motivo per cui lo usano. Negli ultimi anni, l’olio di argan è diventato un ingrediente cosmetico popolare in tutto il mondo. Le aziende cosmetiche lo usano per produrre lozioni per la pelle e creme per combattere le rughe.

Gli alberi di argan hanno una forma contorta e assomigliano agli ulivi. Di conseguenza, sono spinosi e molto appiccicosi. Gli ulivi non sono così. Entrambi gli alberi si mantengono a un’altezza ridotta, con il più alto che raggiunge circa 6 metri. Anche i frutti dell’argan e dell’olivo si assomigliano.

In realtà, le capre marocchine non amano gli ulivi. Preferiscono invece l’albero di argan. È possibile vederle su un albero di argan, dove mangiano le foglie e le noci.

Trascorrono le loro giornate sotto gli alberi di argan, dove mangiano foglie e bucce dei frutti che amano, come le mandorle. Gli alberi forniscono alle capre il 70% del loro fabbisogno alimentare.

Le capre sugli alberi in Marocco non mangiano tutte le noci!

Le capre, invece, mangiano solo le bucce e lasciano i semi all’interno. In questo caso, sono le donne berbere a raccogliere i semi dopo che sono stati gettati a terra.

È anche possibile che le capre mangino tutti i frutti. E poi cagano i semi, che non vengono raccolti dalle donne.

Le donne berbere, indipendentemente dal modo in cui prendono le noci dal terreno, le portano a casa. Ne estraggono l’olio, che è un lavoro duro. Le cooperative femminili, dove queste donne lavorano, sono state create proprio per questo motivo.

Ci siamo recati in una di queste cooperative femminili per saperne di più su come funziona il tutto, in modo da poterlo capire meglio.

L’olio di argan è prodotto in modo molto complicato

Ecco come funziona: la prima donna della fila apre i semi per ottenere le noci all’interno. I semi assomigliano molto alle mandorle.

La donna successiva in fila arrostisce le noci. L’ultima donna della fila le macina con un mulino di pietra.

Di conseguenza, tutto viene fatto alla vecchia maniera. Poiché il processo di produzione è ad alta intensità di lavoro, richiede molto tempo.

Occorrono circa 30 kg di noci per produrre un litro di olio. Per fare tutto questo, è necessario lavorare molto. È così che hanno sempre fatto le cose e le faranno anche in futuro.

Almeno hanno un gruppo di turisti che si interessano a loro e fanno loro domande, il che potrebbe rendere la cosa un po’ più interessante.

In questa cooperativa femminile lavorano altre persone oltre alle donne. Quest’uomo ci ha fatto un’ottima presentazione in inglese, facile da capire. Ci ha anche fatto provare e confrontare diversi oli.

L’olio alimentare e quello per la pelle sono entrambi importanti.

Quando l’olio è cotto, si trasforma in olio alimentare, ma l’olio non cotto può essere usato come olio per la pelle. All’olio per la pelle aggiungono il limone o altre fragranze, in modo che abbia molti odori diversi.

Il mio preferito era spruzzare l’olio al limone sulla pelle direttamente dalla bottiglia. Tuttavia, non esistono spray all’olio di argan in vendita nell’industria cosmetica. Le persone dicono di usare solo poche gocce di olio nelle loro creme più lussuose. Non è vero. Molti prodotti di bellezza di alta gamma utilizzano l’olio di argan per il suo alto contenuto di vitamina E.

Mi è stato anche detto che l’olio di argan fa bene alle unghie e ai capelli. Chi vuole usare lo shampoo all’olio di argan può acquistarlo o prepararlo da sé aggiungendo qualche goccia di olio di argan al proprio shampoo abituale.
L’olio di argan sta diventando sempre più popolare anche come olio da cucina, che fa bene al cibo. Si dice che abbia il sapore di una versione migliore dell’olio d’oliva, ma costa di più.

Olio di argan per cucinare

Quando l’olio di argan viene utilizzato come olio da cucina, ha il sapore delle nocciole tostate. Secondo loro, l’olio aiuta a ridurre i livelli di colesterolo e a tenere lontani arteriosclerosi, reumatismi e altre malattie da chi lo usa.
Poi, naturalmente, c’era anche un negozio di olio di argan in cui curiosare. Tuttavia, poiché le bottiglie erano troppo grandi per entrare in un bagaglio a mano, non ho potuto acquistarle. L’unica cosa che ho portato a casa è stato il sapone all’olio di argan che ho usato nella mia camera d’albergo.

Gli animali vivono sugli alberi e mangiano i frutti dell’argan. Inoltre, contribuiscono alla produzione dell’olio più costoso del mondo, quindi ora conosciamo la storia delle capre marocchine. Le persone e gli animali si aiutano a vicenda quando possono. Questa è una buona cosa.

Come fanno le capre a stare sugli alberi in Marocco?

In Marocco, le capre sugli alberi non sono un mito. Le capre hanno lottato per sopravvivere nel clima arido di quel Paese e hanno dovuto adattarsi alle dure condizioni. Esistono numerose foto di capre che pascolano su ripidi pendii di montagna e in altri luoghi incongruenti. Sembra che stiano in equilibrio sulle loro zampe sottili, ma non è così.

L’interessante e insolita struttura delle loro zampe, che sono disposte in modo diverso da quelle degli altri ungulati, spiega la loro straordinaria capacità di salto. Non scivolano perché i loro zoccoli sono morbidi e ruvidi. In questo modo è facile per loro afferrare e stare in equilibrio sui rami sottili degli alberi senza cadere. Le capre sugli alberi in Marocco, come testimoniano le foto e i video dei turisti, non sono un mito.

L’albero di argan può raggiungere un’altezza di 8 metri e assomiglia a un grande cespuglio ramificato con molti piccoli rami. La vista acuta delle capre permette loro di individuare anche minime rientranze e di saltare con precisione, calcolando la traiettoria del salto. Una capra di montagna, ad esempio, non è mai stata vista precipitare da un ripido pendio roccioso.

In realtà, in Marocco le capre pascolano sugli alberi e mangiano i frutti dell’argan non solo perché sono costrette a farlo dalla mancanza di foraggio, ma anche perché ne provano piacere.

Le capre indigene sugli alberi in Marocco

Che dire delle capre indigene che, in mancanza di erba, si rimpinzano delle preziose foglie di argan? Poi c’è il frutto. Forse l’antico e modesto organismo caprino non si preoccupa della vitamina E e degli antiossidanti presenti nell’olio di argan. Dopo tutto, le capre non stanno cercando di ringiovanire o di ridurre il rischio di malattie cardiache! Desiderano semplicemente alimenti naturali, verdure dense di nutrienti e spuntini deliziosi.

In un solo giorno, un branco di dieci capre può consumare un intero albero di argan. Il mandriano le conduce poi all’albero successivo, dove cambiano “tavola”. Le capre iniziano a sgranocchiare i rami più bassi nella posa di un cane che chiede l’elemosina dopo aver vagato come in contemplazione. Poi, una dopo l’altra, saltano su di essi e sgranocchiano il piano successivo con un salto elastico che anche le capre più piccole sanno fare. Sorprendentemente, man mano che i rami più bassi vengono svuotati, gli animali, piuttosto pesanti, salgono sempre più in alto, finendo per atterrare su rami sempre più sottili che in qualche modo li sostengono: un magnifico istinto per l’equilibrio si mostra qui in tutta la sua gloria. In questo modo raggiungono un’altezza considerevole e da lontano appaiono sparsi sulla chioma di un albero di argan.

Lo zoccolo delle capre

Anche la struttura dello zoccolo della capra gioca un ruolo importante nell’enigmatico equilibrio. Questo zoccolo presenta ferite lungo i bordi, è biforcato e può allontanarsi. Con queste piccole sporgenze, le capre possono aggrapparsi a qualsiasi sporgenza della roccia, per non parlare del ramo di un albero. Sulla suola si trova un cuscinetto morbido e ricco di terminazioni nervose, che si aggrappa alle irregolarità e si attacca alla loro superficie. Le capre hanno anche due robuste dita rudimentali sopra gli zoccoli che le aiutano ad arrampicarsi e a saltare sui rami.

Di solito le capre si dirigono verso un albero per sfuggire al traffico; per quanto strano possa sembrare, questi animali “senza paura” sono in realtà piuttosto timidi. Tuttavia, alcuni pastori approfittano del fascino degli stranieri per questa specie invisibile, offrendosi di fotografarvi con un’adorabile capra in braccio su uno sfondo che catturerebbe l’immaginazione di un europeo a pagamento.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>